martedì 10 luglio 2007

World is yours

(Pubblico questo articolo di TenderSurrender, che ha problemi ad inserirli autonomamente. Buona lettura.)

L'uomo da più di un secolo diffonde nell'atmosfera quote di anidride carbonica, CO2 ,che col passare del tempo hanno gravemente destabilizzato l'Ozono, quella parte dell'atmosfera necessaria a mantenere la temperatura terrestre a livelli sopportabili per noi esseri umani. In breve, con le emissioni di Gas Serra ,stiamo mettendo a dura prova l'unica cosa che ci rende certi di essere la razza dominante di questo pianeta: l'adattabilità.

Negli ultimi anni il surriscaldamento del clima s'è finalmente tolto di dosso quell'alone di scettiscimo che aleggiava nell'aria. Finalmente anche noi ci siamo resi conto che le cose stanno cambiando, gli inverni caldi che ci siamo lasciati alle spalle ne sono la testimonianza diretta.

Dunque Il Pianeta ha la febbre...ma,.. come un essere umano può essere curato, anche se in questo caso, non del tutto.

Infatti le proiezioni su larga scala effettuate alla Texas University lo scorso Giugno, dimostrano che un eventuale riduzione dell'emissioni di anidride carbonica entro i limiti stabiliti nell'Ultimo G8, non basterebbero ad invertire la tendenza in atto del riscaldamento globale, bensì ne rallenterebbero soltanto la corsa, vanificando però ogni lecito tentativo di salvare le future generazioni dall'ormai imcombente catastrofe.

Perchè dunque i "Potenti della Terra" non fanno tutto il possibile per evitare che una cosa simile possa accadere?

Chi finanzia le campagne elettorali di questi Presidenti, chi, in alcuni casi, le loro guerre in giro per il mondo, sono gli stessi per cui ci possono essere tante "Columbine" ma tanto la legge sul possesso delle armi da fuoco subirà al massimo qualche inutile modifica...Gli stessi che aiutano paesi che sono nemici del loro...gli stessi che nell'oscurità e all'insaputa decidono delle sorti del mondo. Gli Americani che incolpano i Cinesi e i Cinesi che se la prendono coi Russi in realtà non sono altro che entità astratte accomunate da un unico filo conduttore: La Corporation.

Ma per fortuna , per quanto potenti possano essere le mer.de che decidono della nostra vita e per quanto infinita possa essere la rete della Globalizzazione, al futuro ci possiamo pensare noi stessi già da ora.

Se ad esempio prima di gettare una bottiglia di plastica in un contenitore per solo vetro pensassimo alle conseguenze disastrose che un piccole gesto tanto innocuo potrebbe innescare, ci sentiremmo bene con noi stessi a tal punto da fregarcene e ripetere quel gesto all'infinito?
Se prima di prendere la macchina per andare a comperare l'ultimo modello della Nike ci chiedessimo se non sarebbe il caso di farli a piedi quei "fatidici" 200 metri non ci semplificherebbe la riuscita di quest'impresa?

Una frase divenuta leggenda diceva "The World is Yours"...
Farla diventare atto pratico non sarebbe male...

Anche perchè....con che coraggio andremo mai un giorno al battesimo dei nostri nipoti se ad attanderli ci sarebbe un Pianeta instabile , soggetto a terrificanti sbalzi di temperatura, tempeste magnetiche e catasfrofici scioglimenti di ghiacciai?

Verrebbero al mondo già da morti, non credete?

2 commenti:

  1. FakePlasticTree17 luglio 2007 21:13

    prevedi anche che in un prossimo futuro i nostri "allegri figlioletti morti" possano, grazie alla trasmissione via etere (senza cavo quindi), recarsi immediatamente in quei villaggi della birmania o della tailandia dove le Nike vedono la luce per la prima volta... PORRE fine allo scempio è una cosa fattibile, e occorre perciò FARLO

    RispondiElimina
  2. Molte persone conoscono il problema, ma non sono abbastanza sensibili da far qualcosa per evitarlo. Probailmente se in tv ad orari decenti trasmettessero dei brevi documentari sulle condizioni di lavoro di bambini e donne nelle fabbriche della Nike, molte persone ci penserebbero su prima di acquistare queste scarpe.


    E' il solito problema, l'indignazione degli italiani dura meno dell'orgasmo, come disse il grande Marco Paolini. Ed' una vergogna.

    RispondiElimina